5 Livelli che ti aiuteranno a capire meglio come utilizzare la realtà aumentata…

La Realtà aumentata ha raggiunto un punto di maturità in cui ci siamo spostati oltre la novità. Ecco perché vogliamo supportarti nel demistificare l’attuale ecosistema AR, in modo da poter valutare come l’AR si inserisce nei tuoi obiettivi di business e nella strategia di marketing più ampi e aiutarti a prendere decisioni consapevoli sulle esperienze, piattaforme e metodi di consegna che funzionano meglio per i tuoi obiettivi. Ora è il momento di essere preparati a pensare in modo più approfondito a come il tuo marchio e la tua attività dovrebbero apparire e comportarsi attraverso la lente di uno smartphone.

Sempre più marchi globali la stanno prendendo molto sul serio ai più alti livelli delle loro organizzazioni. Marchi come Nestle, 7-Eleven, Hasbro, Tilly’s, Pez, Rovio, Walmart e molti altri hanno implementato l’AR come tecnologia di facilitazione e parte del loro approccio di marketing e vendite.

Per accompagnare la nostra panoramica del video, ecco i cinque livelli dell’ecosistema AR che dovresti capire come azienda o marchio che vuole pensare in modo più strategico all’AR.

1) Scansione, rilevamento e tracciamento

Il primo livello è la scansione, rilevamento e il tracciamento. L’AR efficace ha la capacità di funzionare sulla maggior parte dei dispositivi (sia su iOS che su Android) per riconoscere rapidamente l’immagine che sta cercando di attivare la realtà aumentata.

Esistono diversi tipi di tracciamento che possono essere utilizzati per l’AR.

Il tracciamento delle immagini rimane un metodo di scansione popolare, ideale per connettere le vostre strategie di marketing in occasione di eventi a confezioni di prodotti a contenuti digitali interattivi. Questo funziona “addestrando” un’immagine da rilevare dalla fotocamera dello smartphone come un modo per attivare e quindi tracciare l’esperienza AR.

Nel frattempo, i già citati ARKit e ARCore hanno reso la scansione del mondo un metodo sempre più popolare, consentendo la creazione di esperienze “portale” popolari che possono situare un’esperienza AR nello spazio 3D della vita reale che gli utenti possono esplorare fisicamente.

La rilevanza contestuale dei contenuti AR può essere perfezionata ulteriormente con la tecnologia di geolocalizzazione. Questo collega le esperienze ad una particolare posizione GPS o connessione di rete, innescando un’esperienza AR basata sulla vicinanza dell’utente, con un potenziale affascinante per cacce al tesoro, attivazioni di vendita fisica e contenuti in stile “flash mob”.

La crescente popolarità del face tracking, in cui sia il contenuto 3D che il 2D possono essere mappati direttamente sul viso dell’utente e manipolati da movimenti ed espressioni, è esemplificato dal successo strepitoso dei filtri viso (in particolare tramite Snap e Facebook). Questo metodo enfatizza l’usabilità intuitiva, l’accesso rapido ai contenuti e il tracciamento accurato.

Quindi, il modo in cui le esperienze di AR vengono attivate si evolvono e si diversificano per soddisfare una vasta gamma di contesti e casi d’uso diversi. È importante concentrarsi sugli obiettivi per sfruttare l’AR come azienda e vedere quale metodo di rilevamento e rilevamento è più adatto per raggiungere i propri obiettivi.

2) Creazione di contenuti
Il secondo livello riguarda la creazione di contenuti. Una cosa è essere in grado di scansionare, rilevare e tracciare un oggetto fisico o un luogo, ma questo non è particolarmente utile per un utente finale se non può ottenere una grande esperienza da esso!

Una parte importante del processo di creazione del contenuto è capire quale toolkit è necessario per il lavoro. Stai creando un filtro facciale unico per aumentare una campagna di marketing esistente o stai cercando di realizzare una campagna AR più ampia e strategica, legata a un calendario di contenuti?

Ci sono un sacco di scelte là fuori, con la creazione di contenuti AR diventando più accessibile con artisti del calibro di Snap e Facebook che di recente entrano nella mischia. Come sempre, noi ti offriamo uno degli AR più robusti e convenienti sul mercato. Questo ti offre anche la più ampia gamma di strumenti per soddisfare i diversi casi d’uso: dal marketing esterno alle comunicazioni interne, dall’apprendimento alla formazione e allo sviluppo.

3) Servizio, hosting e analisi
Il terzo livello serve, hosting e analisi. Una parte davvero importante di qualsiasi campagna AR di successo (e in effetti anche il nostro ecosistema) è la capacità di offrire contenuti in modalità wireless ed evitare la necessità di ulteriori presentazioni di app e aggiornamenti di app per nuove esperienze.

Affinché i marchi e le aziende abbiano successo con l’AR, hanno bisogno di una soluzione robusta, scalabile e misurabile per consentire la rapida consegna dei contenuti al volo, mentre emergono nuove e importanti informazioni sui loro clienti e prodotti.

In poche parole, avere le giuste soluzioni di servizio, hosting e analisi consente conversazioni ininterrotte con il pubblico attraverso esperienze AR aggiornabili e misurabili che aprono opportunità totalmente nuove per la stampa passiva e i supporti statici.

4) Un SDK leggero per una facile integrazione delle app
Il quarto livello è quello che rende il SDK leggero, facile da integrare in un’app standalone esistente o nuova. L’agilità è un elemento molto importante quando si tratta di normalizzare l’AR e migliorare il coinvolgimento degli utenti con il mezzo. Mentre la tecnologia rimane relativamente nuova per molti consumatori, lunghi tempi di caricamento o accessi non intuitivi possono così spesso passare da un punto dolente a un utente che mette il proprio smartphone in tasca e si dimentica di usare l’app.

5) Il metodo di distribuzione
Infine, il quinto livello è la capacità di determinare il miglior metodo di distribuzione e i partner di canale per i tuoi contenuti. Quello che stiamo vedendo è una tendenza generale di AR usata per semplici momenti one-off per includere esperienze che istruiscono, informano e premiano di più come utilità quotidiana. Altri marchi stanno cercando di smettere di pensare all’AR come tattica e iniziano a pensare a come si adatta alla loro strategia aziendale globale come tecnologia di facilitazione.

È qui che il WebAR mobile è un potenziale punto di svolta per molti proprietari di marchi. Ci sarà sempre un posto per le app. Ma ci sono solo così tanti marchi e servizi che possono davvero comandare la propria app sullo spazio sul tuo homescreen. Mobile WebAR consente a qualsiasi marchio di avere un percorso sul mercato mobile per il mercato di massa grande quanto il web stesso. Nessuna app richiesta. Il supporto del browser per AR su Safari e Chrome è attualmente in fase embrionale ed è certamente il caso che ora puoi fare di più con AR attraverso un’app.

Ma per molte delle opportunità più utilitaristiche e istruttive per dire i marchi CPG, Mobile WebAR sta diventando un’opzione praticabile e significa che possono controllare il contenuto e ottenere dati di prima parte senza essere disintermediati attraverso un social network e pagando la tariffa media per il privilegio.

Pensieri finali

La navigazione nell’ecosistema AR in un settore tecnologico così in rapida evoluzione non è sempre facile, in particolare quando la tua azienda sta cercando di sbloccare il valore reale e separare i benefici dal gergo. Devi pensare chiaramente a come costruire il giusto framework per il tuo business basato su questi cinque livelli dell’ecosistema AR. Ciò consentirà di offrire la soluzione migliore che sarà robusta, scalabile, efficace ed efficiente a breve, medio e lungo termine. Questo è qualcosa che abbiamo raggiunto con alcuni dei più grandi marchi del mondo in una vasta gamma di settori, dal retail alla confezione del prodotto agli sport di alto livello, quindi se hai un’idea, contattaci e portiamola a buon fine .

Contattaci per un preventivo senza impegno!!